Blog

3 piattaforme per creare app

3 piattaforme online per creare la tua App Apple

  |   Ultime Novità

Forse non lo sai, ma grazie ad alcune piattaforme online anche coloro che non hanno delle conoscenze “adeguate” possono creare una propria applicazione Apple.

 

Non è affatto difficile come potrebbe sembrare a prima vista, ma è comunque un’operazione richiede non solo una buona dose di fantasia e creativi, ma anche pazienza e dedizione.

 

Bisogna stare attenti anche ai minimi dettagli, non lasciarsi sfuggire proprio nulla e testare sempre l’applicazione prima di renderla pubblica.

 

Non devi pensare sin da subito che hai in testa la miglior idea del mondo. Tutt’altro: la tua idea è come ogni altra, ma merita comunque di essere realizzata.

 

Prima ancora d’iniziare a spiegare quali sono le 3 migliori piattaforme online per creare la tua App Apple personalizzata, è bene mettere nero su bianco anche un altro concetto importante: prima di usare le piattaforme online devi almeno rendere chiara la bozza.

 

Serve una fase di progettazione, una di studio e solo dopo arriva quella pratica.

 

Chiarito questo, scopriamo dunque anche quali sono le miglior piattaforme per sviluppare le proprie personalizzare App Apple.

 

 

Xcode

 

Se il tuo obiettivo è quello di creare un’applicazione per il melafonino uno dei tablet targati Apple, allora è bene servirsi dell’applicazione gratuita Xcode.

 

Come riuscirci? Tutto quello che devi fare è semplicemente possedere un Mac, andare sul Mac App Store e trovarci l’applicazione giusta.

 

Grazie a questo programma avrai modo di creare delle applicazioni per l’iOS utilizzando semplicemente un editor di grafica, un editor di codice e un sacco di modelli predefiniti che ti permetteranno di scoprire come usare il software.

 

L’ambiente di sviluppo non è troppo avanzato e potrai usarlo anche se non sei un esperto d’informatica o dei linguaggi di programmazione.

 

Potresti creare la tua applicazione per l’iOS con questo programma anche solo conoscendo le basi di linguaggi di programmazione Objective-C, Java e C++. Xcode supporta sia Swift sia l’Objective-C.

 

Sia chiaro: senza possedere almeno un’infarinatura generale di questi linguaggi, ti verrà difficile creare un programma per gli iDevice.

 

“Io penso che se fai qualcosa e risulta abbastanza buona, dovresti andare avanti a fare qualcosa di meraviglioso, non aspettare troppo. Pensa solo alla prossima cosa.”

Steve Jobs

 

E allora perché non creare le applicazioni meravigliose e andare sempre avanti pensando solo alle prossime migliori che devi apportare per creare dei prodotti che rasentino il perfetto?

 

Per esempio, anche se non sai per niente come muoverti con Objective-C e non sai nemmeno cosa sia, dovresti sapere che non è affatto difficile da utilizzare. Già sul web puoi trovare sia numerose guide che un sacco di manuali che spiegano come utilizzare questo linguaggio di programmazione senza errori.

 

Molte delle stesse guide indicano i procedimenti giusti per sviluppare le App Apple. Tuttavia non ti serviranno: è lo stesso Xcode che ti guiderà allo sviluppo dell’applicazione seguendoti passo dopo passo.

 

Se, invece, volessi usare il linguaggio Swift per creare i tuoi programmi con Xcode (ti ricordo che Swift è uno dei linguaggi più innovativi in assoluto!) potresti consultare addirittura il manuale realizzato dalla stessa Apple per i suoi developer. Per trovare questo manuale non ti serve che collegarsi all’applicazione iBooks e digitale Swift nel campo di ricerca.

 

Il libro che scaricherai ti spiegherà fino nei minimi dettagli come usare questo tipo di linguaggio. Tuttavia, c’è una pecca che potrebbe ostacolare il tuo lavoro: il manuale è disponibile unicamente nella lingua inglese. Purtroppo, se non conosci l’inglese ti verrà difficile capire i vari passaggi.

 

Quando ti approccerai a sviluppare l’interfaccia grafica dell’utente pensa alla semplicità. Si tratta di un fattore-chiave che è anche il principale ad attrarre. Del resto, se deciderai di pubblicare l’applicazione, sarà proprio l’interfaccia grafica ad attrarre gli utenti.

 

Il design dell’applicazione creata con Xcode, insomma, dev’essere familiare e intuitivo. Altrimenti difficilmente potrà avere un grande successo tra il pubblico.

 

Se alla fine realizzerai la tua App Apple dovrai pubblicarla sull’App Store perché gli utenti possano usufruirne. Ovviamente deciderai tu se pubblicarla gratuitamente oppure previo un pagamento singolo oppure un abbonamento. Ricordati, però, che i prezzi non devono essere troppo alti, ma ragionevoli.

 

Per pubblicare l’applicazione da te realizzata dovrai prima registrarti sull’Apple Developer Program. Ti basterà semplicemente collegarti all’apposita pagina Web (trovarla è facilissimo). Sulla home page dovrai cliccare su Start Your Enrollment e scegliere se usare il tuo ID Apple oppure crearne uno a partire da zero.

 

Ricordati, però, che il costo di registrazione all’Apple Developer Program è pari a 99 dollari all’anno. Non appena deciderai di pubblicare la tua Apple App, la compagnia inizierà un processo di verifica che potrebbe durare persino 2 settimane (o anche di più). Cerca di pazientare! Alla fine dei conti ne sarà valsa la pena…

 

Tra i punti vantaggiosi di questo programma spicca il costo, che a confronto con altre piattaforme simili è particolarmente basso.

 

Tra i lati negativi, invece, occorre ricordare il fatto che bisogna comunque conoscere almeno le basi del codice per poter operare con Xcode.

 

LEGGI ANCHE: Centro assistenza Apple a Vicenza

 

 

ShuotEm

 

Tra le migliori piattaforme online per creare delle App Apple partendo da zero e senza avere delle grandi conoscenze in tema di programmazione spicca ShoutEm. Proprio come la piattaforma precedente, anche questa include un sacco di varie opzioni interessantissime.

 

Per esempio, potresti trovare interessante il lungo elenco dei luoghi d’interesse che potresti usare per creare un’applicazione che guidi gli utenti sui più bei posti di una città o Stato. Ovviamente è solo un piccolo esempio, in quanto è l’applicazione stessa a darti i mezzi e gli strumenti che ti potrebbero essere utili per il programma che vorresti creare.

 

Per usare quest’applicazione non dovrai nemmeno conoscere le basi della programmazione. ShoutEm è già completamente automatizzato e potrai creare l’App Apple dei tuoi sogni semplicemente scegliendo le diverse azioni da compiere da un menù preimpostato.

 

Ovviamente ShoutEm non è un’applicazione che potrai usare gratuitamente, ma solo dietro a un pagamento. I prezzi per usare questo programma partono da 20 dollari al mese per la versione base. Tuttavia, per poter pubblicare il programma sull’App Store dovrai selezionare almeno il piano di abbonamento Advanced dal costo di 50 dollari.

 

Ovviamente potrai guadagnarci sull’applicazione mettendolo in vendita sull’App Store al prezzo da te stabilito. Altresì potrai avvalerti dei moltissimi elementi per la monetizzazione delle tue applicazione. Basti pensare ai diversi supporti per la pubblicità e all’integrazione del programma con Shopify. In questo modo potrai non solo recuperare i 50 dollari spesi, ma anche guadagnarci sù.

 

In conclusione si può dire che non sia soltanto una piattaforma parecchio utile, ma anche interessante e divertente. I template che vi troverai sono davvero ottimali per i dispositivi Apple. A te non resterebbe che utilizzarli al meglio delle loro possibilità!

 

Tra i lati positivi del programma spiccano:

 

  • la facilità d’utilizzo.
  • la scorrevolezza.
  • il particolare design.
  • i vari elementi per la geolocalizzazione.
  • la capacità di eseguire facilmente l’upload delle immagini.

 

Tra i lati negativi, invece, c’è il fatto che è disponibile unicamente in lingua inglese e manca un modulo ShoutEm per il negozio web.

 

 

Swiftic

 

Infine, nella top 3 delle migliori piattaforme destinate alla creazione delle Apple App spicca Swiftic. Si tratta di una piattaforma realizzata in Israle nel lontano 2010 che, – stando a quanto riferiscono i developer, – ha già contribuito a realizzare più di 1.000.000 di applicazioni in tutto il mondo. Per questo Swiftic è considerata la piattaforma-madre di moltissime Apple App.

 

Utilizzando Swiftic potrai trovare tantissimi moduli diversissimi. Sembra proprio che i creatori di questa piattaforma abbia previsto praticamente tutto. Qui ci sono i moduli per le tessere di fedeltà, quelli per la musica, i moduli per le agende, per le integrazioni con gli appuntamento e così via. A te, insomma, non resterebbe altro che scegliere il modulo che meglio si addice alle tue esigenze.

 

Le opzioni disponibili su Swiftic sono così tante che questa piattaforma viene considerata alla pari di un coltelli militare svizzero: quasi ideale e ben adatta alla soluzione di numerosi problemi. Tuttavia, particolarmente bene questo programma si addice ai ristoranti, eventi, gruppi musicali, studenti e così via.

 

Usare Swiftic è facilissimo: si tratta di un’altra piattaforma che si può utilizzare senza possedere delle grandi conoscenze in tema di programmazione. Devi solo pensare a un’idea e metterti al lavoro: sarà Swiftic stesso a condurti, passo dopo passo, nella creazione della tua Apple App.

 

Tuttavia non è un programma gratuito, bensì a pagamento. Potrai scegliere tra un abbonamento mensile (di 57 dollari), annuale (48 dollari) e biennale (a 41 dollari). Ovviamente, se la tua intenzione è quella di realizzazione continuatamente delle applicazioni Apple, allora l’abbonamento biennale è quello che fa a caso tuo.

 

A differenza di altre applicazioni simili, Swiftic offre una Garanzia di successo che ha la durata di 6 mesi. Approfittando di quest’opzione potrai richiedere un rimborso se la tua Apple App non riuscirà a raggiungere i risultati previsti in tema di fama e popolarità.

 

Se userai la fantasia e la creatività per realizzare le tue applicazioni con Swiftic, è davvero difficile che tu non riesca a raggiungere gli obiettivi che ti sei prefissato. Anche perché la piattaforma ospita ben 7 diversi template che potrai combinare tra di loro con tanto di 6 stili di navigazione differenti.

 

Alle funzionalità di base si aggiungono i colori, le icone, i temi, le immagini di sfondo e quant’altro ancora. E se anche questo non ti bastasse, sappi che potrai comunque personalizzare la tua applicazione come meglio credi.

 

Il design dei template, difatti, è molto flessibile e potrebbe realizzare ogni tua fantasia. Tutto quello che devi fare è semplicemente avere un po’ di pazienza e di tenacia nel perseguire i tuoi obiettivi nonostante tutte le difficoltà del caso.

 

Tra i lati positivi occorre ricordare:

 

  • l’editor (molto facile da usare e con una solida struttura).
  • la vasta gamma delle funzioni.
  • il design.
  • la Garanzia di Successo (che ti coprirà le spalle).

 

Però vi sono anche degli aspetti negativi che bisogna considerare e in particolare il fatto che si tratta di una delle opzioni più care in assoluto. Ma ne vale sicuramente la pena, specialmente se si punta a realizzare delle Apple App professionali al 100%.

 

LEGGI ANCHE: Perché scegliere un prodotto Apple?

 

 

Conclusione

 

Bisogna ricordarsi che queste sono soltanto le 3 migliori (o più famose) piattaforme utili per creare le Apple App partendo da zero. Tuttavia esistono moltissime altre piattaforme simili, con i loro lati forti e quelli deboli, che possono essere utilizzati sia dagli esperti in materia che dai developer alle prime armi. Ognuno può sicuramente scegliere in base a quelle che sono le proprie preferenze in materia.

 

Di certo, però, non basterebbe nemmeno un libro per elencare tutte le piattaforme online che permettono ai propri utenti di creare delle Apple App. Ognuno, insomma, deve indagare e scoprire dei programmi e degli strumenti sempre nuovi. Perché l’evoluzione e la costante ricerca delle migliori soluzioni fa sicuramente parte delle competenze di un developer della Apple.

 

Anche le 3 piattaforme citate meriterebbero un approfondimento particolare e non soltanto un’infarinatura generale. Il miglior modo per scoprirli, però, è quello di usarli: la pratica supera sempre la teoria. E allora perché non dare il via agli sperimenti, ai lavori e alla soddisfazione che ne deriva?

Condividi