Schermi Apple, storia di un successo planetario

Schermi Apple storia successo planetario

Prima Generazione schermi Apple

All’inizio c’era il display CRT. Era uno dei più semplici ed economici in assoluto, ma vanta di una lunga storia. Quest’ultima è iniziata nel 1980, a partire dal modello Monitor III che è stato presentato insieme al computer aziendale Apple III.

Era uno schermo monocromatico da 12 pollici monocromatico (verde) in grado di visualizzare caratteri di testo 80×24 e qualsiasi tipo di grafica, tuttavia soffriva di un refresh del fosforo molto lento che provocava un effetto video-fantasma, quindi poteva essere condiviso con i computer Apple II. Successivamente, un supporto di plastica venne reso disponibile per ospitare l’impronta più grande del monitor.

Circa 4 anni dopo arrivò l’introduzione del monitor prodotto da Apple (Monitor II), che, come suggerisce il nome, era più adatto all’aspetto e allo stile per la linea Apple II e allo stesso tempo migliorava le funzionalità e la qualità visiva rispetto al modello precedente.

Nel 1984 fu introdotto per il computer Apple IIc con uno schermo miniaturizzato da 9 pollici, chiamato Monitor IIc, che contribuiva a completare le sue dimensioni compatte.

Questo monitor fu anche il primo a utilizzare il nuovissimo stile di design per i prodotti Apple chiamati Biancaneve, così come essendo il primo monitor non rilasciato in un colore beige, ma piuttosto bianco brillante e cremoso.

Ai primi anni del 1985 arrivarono i primi CRT a colori, a partire da Monitor 100, un display RGB digitale per Apple III e Apple IIe (con scheda), seguito a breve dal ColorMonitor IIe da 14 pollici (in seguito ribattezzato AppleColor Composite Monitor IIe) e ColorMonitor IIc (in seguito ribattezzato AppleColor Composite Monitor IIc), con tanto di display video composito per i rispettivi modelli.

Tutti i monitor della Apple sono in grado di supportare il massimo standard Apple II Double Hi-Res 560×192. Nel 1986 arrivò l’AppleColor RGB Monitor, un display RGB analogico da 12 pollici progettato specificamente per il computer Apple IIGS, che supportava una risoluzione di 640×400 pixels interlacciati (640×200 non interlacciati) e poteva essere usato dal Macintosh II, in un limitato modo, con la scheda video display ad alta risoluzione Apple.

Presentato anche quell’anno il monitor monocromatico Apple, che esteticamente era identico al modello precedente ma era un display composito bianco e nero adatto all’aspetto esterno per Apple IIGS, Apple IIc o Apple IIc Plus.

 

Seconda generazione dei display targati Apple

La seconda generazione di display della Apple era integrata nella linea di computer Lisa e Macintosh. A quel tempo, il Macintosh aveva un monitor monocromatico da 9 pollici ad alta risoluzione che poteva visualizzare 512×342 pixel.

In seguito, tutti i modelli futuri del Macintosh in stile classico presentavano questo display esatto. Un nuovo monitor RGB ad alta risoluzione AppleColor esterno è stato introdotto nel 1987 con Macintosh II. Aveva una risoluzione di pixel fissi pari a 13 pollici di 640×480 e la prima griglia CRT con apertura di Trinitron.

Il Macintosh II aveva una custodia espandibile in stile PC che richiedeva un monitor esterno, inoltre era in grado di lavorare con fino a sei schermi esterni simultaneamente usando più schede video.

Il desktop esteso su più monitor e finestre poteva essere trascinato da monitor a monitor o anche a cavallo di due o più. I Macintosh Color Display (14 pollici, 16 pollici e 21 pollici) sono stati introdotti con risoluzioni di 640×480, 832×624 e 1152×870, con Modelli da 16 e 21 pollici introdotti nel 1992, e il modello da 14 pollici uscito con il Macintosh LC III nel 1993.

Anche i display monocromatici sono stati introdotti principalmente per l’industria editoriale, come il monitor monocromatico Macintosh Two Page che è stato in grado di visualizzare le pagine successive l’uno con l’altra con una risoluzione identica a quella a colori da 21 pollici.

È stato introdotto anche il Macintosh Portrait Display che aveva un allineamento verticale dello schermo ed era in grado di visualizzare una pagina.

Sono state introdotte anche le versioni più economiche.

Basti pensare al monitor Macintosh 12 pollici RGB che visualizzava una risoluzione 512×384 (560×384 per la compatibilità con Apple IIe Card), significativo per il Macintosh LC.

C’era anche il monitor Performa Plus (un monitor 14 pollici Goldstar di fascia bassa con risoluzione 640×480) per la serie Macintosh Performa e il monitor Apple Color Plus, che era essenzialmente il monitor Performa Plus in un caso più bello con tanto d’inclinazione e di supporto girevole.

LEGGI ANCHE: iPhone rigenerato come acquistarlo

 

Terza generazione dei display della Apple

La terza generazione di display ha segnato la fine dell’era del display monocromatico e l’inizio dell’era multimediale. Il primo display con altoparlanti incorporati fu introdotto nel 1993 come Apple AudioVision 14 Display.

I monitor sono stati divisi in due gruppi.

C’erano i monitor Multiple Scan più economici con CRT a maschera d’ombra standard con una risoluzione più bassa. C’era anche la serie di display AppleVision che erano posizionati sul mercato professionale e comprendevano i più costosi CRT Trinitron.

Molti modelli non includevano altoparlanti incorporati perché erano considerati giocattoli e venivano visti malamente.

La linea di display AppleVision è stata successivamente rinominata come display ColorSync quando Steve Jobs è tornato su Apple e ha consolidato le linee dei vari prodotti.

Nella linea di prodotti sono rimasti solo modelli da 17 e da 20 pollici. Il Macintosh Color Classic ha anche introdotto un display Trinitron a colori da 10 pollici sul Macintosh compatto classico, con una risoluzione leggermente migliorata di 512×384 (560×384 per adattarsi alla scheda Apple IIe).

Apple ha continuato la serie all-in-one con il più grande 14 pollici Macintosh Family LC 520, con una risoluzione di 800×640 pixel.

Tuttavia, nel 1995, la Apple passò al più economico CRT maschera d’ombra che continuò attraverso la serie Power Macintosh 5200 LC da 15 pollici e aumentando la risoluzione a 832×624.

Nel 1998, l’All-In-One G3 aumentò la risoluzione a 1024×768, che continuò fino a l’introduzione di iMac fino a quando non è passata agli schermi piatti LCD nel 2002.

L’ultimo Macintosh a includere un CRT integrato era l’eMac, che ha aumentato l’area di visualizzazione a 17 pollici con il supporto fino a una risoluzione di 1280×960. Ha usato un CRT a schermo piatto di 4a generazione ed è stato interrotto nel 2006.

 

La 4° generazione dei display prodotti a Cupertino

La quarta generazione di display è stata introdotta contemporaneamente al Blue & White Power Macintosh G3 nel 1999, che comprendeva le plastiche traslucide di iMac (inizialmente “blueberry” bianco e blu, poi “grafite” bianca e grigia dopo l’introduzione del Power Mac G4).

I display sono stati progettati anche con lo stesso aspetto traslucido. La serie di display CRT di Apple Studio Display era disponibile in una dimensione da 17 pollici Diamondtron e 21 pollici Trinitron CRT, entrambi pilotati da un telaio LG-Manufactured.

Questi display erano famosi per i flyback difettosi.

L’ultimo display CRT esterno della Apple è stato introdotto nel 2000 insieme al Power Mac G4 Cube. Sia esso che i nuovi LCD Studio Display hanno presentato plastiche trasparenti che si abbinano al Cubo e il nuovo connettore Apple Display, che fornisce segnali di alimentazione, USB e video al monitor tramite un unico cavo.

Era disponibile solo in un CRT Diamondtron con schermo piatto da 17 pollici. L’anno successivo la produzione fu interrotta.

Al giorno d’oggi i display della Apple vengono considerati il Top del Top della tecnologia moderna e non a caso sono tra i più apprezzati in assoluto.

 

Schermi piatti della Apple

La storia dei display piatti della Apple è iniziata nel 1984, quando Apple Flat Panel Display è stato introdotto per il computer Apple IIc, principalmente per migliorare la portabilità di IIc. Questo display monocromatico era in grado di mostrare 80 colonne per 24 linee di pixels.

Vi erano incluse diverse innovazioni, come la doppia grafica ad alta risoluzione, ma aveva uno strano rapporto (facendo apparire le immagini verticalmente schiacciate) e richiedeva una fonte di luce esterna molto forte, come una lampada da scrivania o diretta luce solare da utilizzare. Ha avuto un riscontro molto scarso da parte dell’utenza.

Nel complesso ed è stato piuttosto costoso (dal prezzo di 600,00 dollari l’uno, un costo gigantesco per l’epoca), contribuendo alle sue scarse vendite e di conseguenza ha lasciato il mercato non molto tempo dopo la sua introduzione.

Sono stati prodotti circa 10.000 monitor LCD IIc, ma non è bastato per conquistare il mercato e molto presto tali display piatti sono stati, letteralmente, dimenticati. Il prossimo tentativo di realizzare un display a schermo piatto è stato con il portatile Macintosh.

Più di un desktop che un laptop, aveva un display LCD ad alta risoluzione, bianco e nero da 9,5 pollici, con una risoluzione di 640×400 pixels. Come il Flat Panel IIc, non era retroilluminato e richiedeva una fonte di luce intensa per poter essere usato al meglio: un modello di seconda generazione ha risolto questo problema.

A partire dalla serie PowerBook, i flat panel LCD integrati sono diventati standard su tutta la linea portatile, seguendo un’evoluzione dell’intero settore dalla scala di grigi al colore e variando da 9 pollici a 17. Sono state utilizzate due tecnologie primarie, una matrice attiva (di qualità superiore e più costosa) e schermi a matrice passiva (di qualità inferiore e più economica).

Entro il 1998 tutti i laptop avrebbero utilizzato il display LCD a matrice attiva standard con una dimensione media standard di 13 pollici, ad eccezione dei prodotti Newton e dei portatili eMate.

Gli attuali display portatili MacBook della Apple includono retroilluminazione a LED e supporto da 1280×800 pixels a 2880×1800 pixels di risoluzione. L’iPhone 4 e l’iPod Touch 4 e successivi Retina Display hanno la tonalità più bassa di qualsiasi display Apple, essendo 960×640 pixels o 1136×640 pixels e solo 3,5 o 4 pollici.

Nel 1997, la Apple ha rilasciato il Twentieth Anniversary Macintosh (TAM), il primo portatile all-in-one come i modelli CRT prima di esso, con uno schermo LCD di alta qualità.

Traendo spunto dalla tecnologia PowerBook, il TAM presentava un display LCD a matrice attiva da 12,1 pollici in grado di visualizzare fino a colori a 16 bit a 800×600 pollici.

Mentre Apple ha scelto di tornare ai tradizionali e più economici CRT per la linea desktop display integrata per i prossimi 4 anni, il TAM è senza dubbio il predecessore della linea di iMac LCD-based di desktop all-in-one che ha inizio con l’iMac G4 rilasciato nel 2002. Un aggiornamento sostanziale rispetto al TAM, conteneva un LCD da 15 pollici con una risoluzione fino a 1024×768.

È stato seguito da un 17 e 20 pollici, modelli con risoluzione fino a 1680×1050.

Nel 2005, l’iMac G5 ha abbandonato la configurazione da 15 pollici e nel 2007. Il nuovo iMac aveva il 17 pollici e ha aggiunto un 24 pollici alla linea aumentando ulteriormente la risoluzione a 1920×1200.

Nell’ottobre 2009, i nuovi modelli di iMac sono passati a schermi in formato 16:9 a 21,5 e 27 pollici.

LEGGI ANCHE: Centro assistenza Apple a Vicenza

 

I LED Backlights display

Con l’introduzione del Macbook Air e successivamente della famiglia Unibody MacBook, Apple ha introdotto il LED Cinema Display da 24 pollici, il loro primo display desktop per utilizzare il nuovo connettore Mini DisplayPort, e anche il primo con uno schermo retroilluminato a LED.

Aveva altoparlanti integrati, un hub USB a 3 porte alimentato sul retro, una videocamera e microfono iSight e un alimentatore MagSafe per laptop. Inoltre è collegato tramite USB per periferiche. Ha una risoluzione di 1920×1200 e venduto al dettaglio per 900 dollari.

Nel 2010 è stato sostituito con una nuova versione da 27 pollici con una risoluzione di 2560×1440.

Nel 2011 Apple ha rilasciato l’Apple Thunderbolt Display con lo stesso display da 27 pollici, sostituendo i connettori Mini DisplayPort e USB con una porta Thunderbolt per display e dati.

Sono stati inoltre aggiunti una porta Gigabit Ethernet e una porta FireWire 800 e la fotocamera iSight è stata aggiornata con una fotocamera FaceTime da 720p.

Il 23 giugno 2016 Apple ha annunciato di aver interrotto il Thunderbolt Display, ponendo fine alla produzione di Apple dei propri display standalone.

 

Display LC UltraFine

Dopo che la Apple ha interrotto la produzione dei propri display standalone nel 2016, hanno collaborato con LG per progettare la linea UltraFine, con un display 4K da 21,5 pollici e un display 5K da 27 pollici. Entrambi i display utilizzano un connettore USB-C, con la versione da 27 pollici che integra la connettività Thunderbolt 3. Sul retro degli schermi è presente un hub USB-C a tre porte.

La versione da 21,5 pollici fornisce fino a 60 W di potenza di carica, mentre il 27 pollici offre fino a 85W.

La versione da 21,5 pollici può essere utilizzata solo con i Mac USB-C, mentre la versione da 27 pollici può essere utilizzata solo nativamente a piena risoluzione con i Mac Thunderbolt 3.

Il modello da 27 pollici è compatibile con i vecchi Mac dotati di Thunderbolt 2 che utilizzano un adattatore, ma è limitato alla visualizzazione della massima risoluzione di uscita. Entrambi i modelli includono altoparlanti stereo integrati, mentre il modello da 27 pollici comprende anche una fotocamera FaceTime.

Come i precedenti display Apple, non ci sono pulsanti fisici sul display e la luminosità e il volume degli altoparlanti sono controllati da un computer collegato.

Scopri ora il nostro negozio online!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *