Apple ridimensiona la produzione degli iPhone

Apple ridimensiona produzione iPhone

Ridotti i volumi di produzione degli iPhone: perché?

Non da molto è giunta la notizia relativa al fatto che a Cupertino abbiano deciso di ridurre in modo significativo i volumi di produzione degli iPhone.

Questo potrebbe presto portare a delle conseguenze inimmaginabili, considerando che con la diminuzione della presenza sul mercato degli iPhone i prezzi degli stessi potrebbero salire in modo considerevole (a meno che la Apple non decida di fare il contrario).

Prima di addentrarci in merito alla questione, però, cerchiamo di capire meglio il motivo per cui tutto questo è accaduto. I volumi di vendita degli iPhone della serie X nell’ultimo trimestre del 2018, difatti, sono stati del tutto insufficienti costringendo quelli di Cupertino a cercare delle valide vie d’uscita dal problema. Non che questo fosse oltremodo facile, tutt’altro.

Per lo più alzare le vendite degli iPhone, che sembrano aver ampiamente deluso le aspettative, potrebbe essere una di quelle missioni che molto presto potrebbero addirittura portare la Mela allo sconcerto.

Per esempio, si prevede di già che la Apple stia pianificando di abbassare il prezzo del loro nuovo iPhone XR in Giappone, che è la prima volta che Apple ha preso tale misura entro pochi mesi dal lancio.

Secondo un rapporto del Wall Street Journal, Apple potrebbe offrire sussidi ai teleoperatori in Giappone per ridurre a sua volta il prezzo dell’iPhone XR che attualmente costa 84.800 Yen (circa 750 USD).

Questo perché l’iPhone 8 continua a superareil modello XR nei mercati giapponesi anche se quest’ultimo ha un design moderno con l’approccio notch, chipset migliore, ottima fotocamera e una batteria più potente.

Il nuovo prezzo per l’iPhone XR in Giappone deve ancora essere rivelato. E questa strategia, che a nostro modo di vedere le cose ha davvero del fantastico, potrebbe essere quella giusta e risolvere una vasta gamma di problemi relativi proprio all’acquisto di simili dispositivi. Ma a cosa sono dovute le diminuzioni nei flussi di vendita?

Le vendite inferiori potrebbero essere dovute al lancio tardivo dell’iPhone XR, in cui i primi adottanti passarono all’iPhone X, XS e XS Max, mentre molti altri optarono per l’iPhone 8 e l’8 Plus.

La Apple ha già impostato dei prezzi troppo bassi per alcuni propri prodotti, come nel caso dell’iPhone 6s, dove il prezzo e la produzione sono stati entrambi abbassati per gestire al meglio la domanda e l’offerta di prodotti, ma questo non è mai stato fatto nei primi mesi dopo il lancio.

Appare chiaro che le vendite dei nuovi iPhone non stanno andando come previsto dalla società. In aggiunta a ciò, ci sono anche rapporti secondo cui la Apple riprenderà la produzione di iPhone X perché l’azienda deve adempiere al proprio accordo con Samsung per l’acquisto di un numero minimo di pannelli OLED per i propri iPhone.

Vendere di più il vecchio iPhone X aiuterà la Apple a colmare questo divario in termini di profitti a causa delle vendite sotto le aspettative del modello XR, perché l’iPhone X ha un costo inferiore sostenuto per i componenti e un costo di produzione complessivo inferiore.

La Apple è già nota per aver spinto i prodotti più vecchi nei mercati in cui questi prodotti stanno andando particolarmente bene e probabilmente stanno adottando nuovamente questo approccio.

Quindi non è affatto da escludere che lo faccia di nuovo a questo giro in modo da migliorare i propri profitti il più possibile.

LEGGI ANCHE: iPhone rigenerato come acquistarlo

 

Taglio produzione Apple: i dettagli

La Apple ha tagliato gli ordini di produzione nelle ultime settimane per tutti e tre i modelli di iPhone lanciati a settembre, riferisce il Wall Street Journal, citando fonti.

Una domanda inferiore al previsto per i nuovi iPhone e la decisione di Apple di offrire più modelli ha reso difficile anticipare il numero di componenti e telefoni di cui la società ha bisogno, secondo il rapporto del Wall Street Journal che da sempre presta un’attenzione quasi maniacale alla Apple e ai suoi movimenti direttamente sul mercato.

La Apple ha scioccato gli investitori poche settimane fa con una previsione di vendita per il prossimo anno sotto le aspettative di Wall Street, spingendo alcuni fornitori a emettere avvisi che evidenziavano debolezze nelle vendite di nuovi iPhone. In particolare i dati negativi si sono concentrati proprio nel Giappone.

Lo Screen Maker Japan Display ha tagliato le prospettive per l’intero anno calcolando la bassa domanda di smartphone, mentre il produttore britannico di chip IQE Plc (IQE.L) ha dichiarato di aspettarsi una riduzione significativa delle sue prestazioni finanziarie nell’anno in corso.

Anche Lumentum Holdings Inc (LITE.O), AMS AG (AMS.S) e altre aziende che forniscono alla Apple il software necessario per la tecnologia FaceID, hanno abbassato le loro previsioni in seguito alle modifiche relative alle previsioni sulle vendite.

Un altro fornitore, l’Analog Devices Inc (ADI.O), dovrebbe riportare i risultati del quarto trimestre prima dell’apertura dei mercati di martedì.

Tutto questo si è riflesso anche sulle azioni della Apple nella Borsa. Basti pensare che le azioni della Mela sono scese del 3,7% a 186 dollari. mentre Lumentum, Skyworks Solutions Inc (SWKS.O) e Qorvo Inc (QRVO.O) sono scese, rispettivamente, del 2,7% e 6%. Le previsioni sono state particolarmente problematiche per l’iPhone XR.

Per quanto concerne questo particolare modello, la Apple ha tagliato il suo piano di produzione fino a un terzo delle quasi 70 milioni di unità che alcuni fornitori erano stati invitati a produrre tra settembre e febbraio, secondo quanto riferito dal Wall Street Journal.

Recentemente, la Apple ha informato diversi fornitori che aveva abbassato di nuovo il piano di produzione per l’iPhone XR, ha detto il Wall Street Journal. La società ha iniziato a vendere la sua ultima generazione di telefoni, l’iPhone XS e XS Max, a settembre e il modello XR ad ottobre. In tutto questo anche i diversi analisti hanno messo la loro parola.

Per esempio, gli esperti dell’azienda Cowen & Co si aspettano un modesto successo dai tagli alla produzione d’iPhone su produttori di chip di memoria come Western Digital Corp (WDC.O) e Micron Technology Inc (MU.O).

L’intermediazione prevede un decremento di 10 centesimi per Micron e una diminuzione di 15 centesimi per la Western Digital nel quarto trimestre del 2018 e il primo trimestre del 2019 su build inferiori di iPhone.

Non a caso, le azioni di Micron erano in calo del 3,4% mentre quelle di Western Digital erano in calo dell’1,7%, mentre si sono riprese la settimana precedente, anche grazie a un intervento della Mela che, comunque, è rimasta per lo più silente su molti aspetti relativi a questo tipo d’interventi.

 

Il rapporto della Apple

Il report della Mela afferma che i tagli alla produzione hanno colpito l’iPhone XR più degli altri modelli di smartphone. La Apple stessa ha dichiarato di aver ridotto il suo piano di produzione per il dispositivo fino a un terzo dei circa 70 milioni di unità che aveva chiesto a fornitori di produrre tra settembre e febbraio, pari a una riduzione fino a 23,3 milioni di unità o giù di lì.

Il che è una gran bella somma, dopotutto. Basti considerare i volumi di produzione dei modelli negli anni precedenti per capire che quasi 24 milioni di modelli rappresentano una quantità a dir poco straordinaria.

Il rapporto presentato dalla Mela afferma che la Apple ha comunicato a diversi fornitori che ha tagliato di nuovo il suo piano di produzione per iPhone XR, in quanto combatte un mercato smartphone maturo e una crescente concorrenza da parte di venditori cinesi come Huawei o Xiaomi.

Si dice che i tagli alla produzione abbiano riacceso la frustrazione tra i fornitori d’iPhone e preoccupato molti per la (mancata) capacità della Apple di prevedere la domanda. E non è la prima volta che una cosa del genere capita, anche perché, volenti o nolenti abbiamo già sentito più e più volte una storia simile.

L’anno scorso, una raffica di report descriveva l’iPhone X come un vero e proprio fallimento, una grande delusione e un flop a dir poco epocale. Un altro rapporto affermava che l’iPhone X non era all’altezza nemmeno dei modelli precedenti. Eppure, l’iPhone X è diventato non solo l’iPhone più venduto della Apple negli Stati Uniti d’America, ma persino in tutto il mondo.

Basti riflettere sul fatto che la Apple ha inoltre registrato un fatturato iPhone da record di 61,5 miliardi di dollari statunitensi nel trimestre di lancio d’iPhone X, quindi il dispositivo è stato tutto fuorché un flop. Anzi! A dir poco ha rappresentato persino un’immensa vittoria! Il CEO di Apple, Tim Cook, ha respinto questo tipo di report in passato.

Durante una richiesta di guadagni nel gennaio 2013, ha osservato che la catena di approvvigionamento della società è molto complessa e che le conclusioni non dovrebbero essere tratte da singoli punti di dati. Anche se un dato punto di dati fosse reale, sarebbe impossibile interpretare quel dato in base a cosa significasse per l’attività della Mela.

La catena di approvvigionamento è molto complessa; per questo l’azienda di Cupertino ha sempre cercato di ricevere i prodotti da più fonti in modo da non restare senza le materie utili alla produzione qualora accadesse qualcosa.

I rendimenti possono variare, le prestazioni del fornitore possono variare. Esiste una lunga lista di cose che possono rendere ogni singolo punto di dati un vero e proprio fallimento qualora accadesse qualcosa di assolutamente imprevedibile oppure strano.

Il direttore finanziario della Apple, Luca Maestri, ha anche messo in guardia sul tentativo di determinare la domanda degli iPhone sulla base di report potenzialmente fuorvianti sulla catena di approvvigionamento.

LEGGI ANCHE: Centro assistenza Apple a Vicenza

 

Le azioni della Mela

È possibile, tuttavia, che Apple stia facendo sempre più fatica a prevedere la domanda degli iPhone. Il rapporto di oggi afferma che l’azienda di Cupertino era “eccessivamente ottimista” circa la sua previsione di produzione iniziale per iPhone X.

L’ottimismo, in effetti, è da anni e anni un vero e proprio punto debole nella catena produttiva della Mela, motivo per cui quest’ultima si trovava letteralmente costretta a tagliare le aspettative in modo da non perdere moltissimo denaro.

Sfortunatamente, le vendite d’iPhone saranno meno trasparenti in futuro, in quanto la Apple ha annunciato che non pubblicherà più le vendite delle unità iPhone nei suoi rapporti sugli utili a partire dal primo trimestre dell’anno fiscale 2019.

Quindi già in questi primi giorni del 2019 ci troviamo dinnanzi a ciò che è un bel punto di domanda. Perché la Apple lo ha fatto?

Perché con ogni anno nuovo aumentano le attese e quando qualcosa non va come previsto si alzano tantissimi polveroni e molte discussioni che di sicuro non giovano alla reputazione aziendale.

Giustificando la mossa, i rappresentanti della Apple hanno affermato che le vendite di unità non sono particolarmente rilevanti per l’azienda, poiché non sono necessariamente rappresentative della forza di fondo dell’attività. Egli ha anche aggiunto che la Apple potrebbe fornire commenti qualitativi relativi alle vendite unitarie se le informazioni sono preziose per gli investitori.

La Apple rivelerà comunque le entrate derivate dalla vendita degli iPhone su base trimestrale, tuttavia, e qualsiasi significativo calo anno su anno di tale importo potrebbe aiutare a capire se l’iPhone XS, iPhone XS Max e la richiesta dei modelli XR di iPhone sono veramente inferiori alle aspettative.

Insomma, dopo aver impostato quasi tutti i suoi prodotti su una precisa linea relativa a una grande privacy sui suoi prodotti, finalmente la Mela è in grado di rivolgere le proprie attenzioni anche verso sé stessa impostando, in tutto questo, anche una precisa filosofia aziendale.

Quest’ultima, in effetti, potrebbe solo giovare alla Mela aiutando l’azienda a vendere ancor di più rispetto a quanto ha fatto in un passato nemmeno troppo remoto.

 

Il ritorno dell’iPhone X?

Il flop dei nuovi modelli degli iPhone potrebbe fare da apripista al ritorno di moda del vecchio e amato iPhone X.

Il nuovo ciclo di produzione degli iPhone X è dovuto in parte ai requisiti contrattuali della Apple con la Samsung Display, stando allo stesso rapporto del Wall Street Journal. Non a caso la Apple deve soddisfare i requisiti minimi di ordinazione dei pannelli di visualizzazione OLED.

A causa della lentezza di iPhone XS e iPhone XS Max, riportando in alto l’iPhone X si consentirà ad Apple di utilizzare i componenti dello schermo OLED in eccesso in un prodotto che si è dimostrato molto popolare durante la sua vita, a un prezzo scontato che più persone possono permettersi. Non è chiaro se l’iPhone X tornerà in vendita in tutto il mondo.

È improbabile che Apple lasci archiviato l’iPhone X nei negozi, preferendo invece venderlo tramite corrieri e rivenditori. Tutto questo per aumentare i profitti della Mela il più possibile.

Scopri ora il nostro negozio online!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *