HomePod non c’è in Italia: quali alternative per gli utenti?

HomePod2

Mentre Amazon e Google si contendono il mercato degli smart speaker, Apple resta indietro. Ecco perché, dopo HomePod mini, sta lavorando ad una nuova versione con display integrato. Ma gli utenti che vogliono uno speaker intelligente e di qualità elevata, alla fine, che alternative hanno?

Cos’è uno Smart Speaker?

Uno smart speaker consiste in un altoparlante con o senza fili dotato di uno o più microfoni per recepire i comandi vocali; comandi che vengono intercettati grazie all’uso di specifiche parole chiave, e che vengono elaborati da un assistente virtuale integrato. Ogni produttore ovviamente utilizza il proprio: Apple usa Siri, Amazon si appoggia su Alexa e infine Google preferisce Assistente Google, ma l’idea di fondo non cambia.

I dispositivi più conosciuti sono Amazon Echo, Google Home e HomePod, ma quest’ultimo -a differenza degli altri- proprio non vuol saperne di decollare. E ad oggi, a più di due anni di distanza dal debutto, non ha raggiunto ancora neppure il mercato italiano. Un ritardo che inizia a pesare, e che potrebbe minare la strategia futura di Apple. Ecco perché.

Qualche Dato

Assistenti Vocali in Uso nel Mondo

I numeri sono incontestabili. Stando ad una ricerca di Omdia, Apple ha venduto 2,4 milioni di smart speaker negli USA nel primo trimestre fiscale del 2021, superando Google di oltre 100.000 unità nel medesimo periodo; e di tutti gli smart speaker venduti da Cupertino, il 91% erano HomePod mini, cioè la versione da 99$ più piccola e meno sofisticata. Nonostante un netto miglioramento rispetto al passato, la porzione di mercato di Apple si ferma al 17,8% durante il primo trimestre (+9% rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente). Il problema però è nel 2020 Google aveva già piazzato oltre 75 milioni di smart speaker basati su Google Assistant, contro i 10 milioni con Siri. Ma la vera regina indiscussa è Amazon, con una base utenza di oltre 141 milioni di smart speaker basati su Alexa (Echo e marche di terze parti).

Eppure il 32% degli utenti oramai usa la voce per impartire comandi, invece di digitare, e il 72% di chi possiede uno smart speaker lo usa quotidianamente. Con oltre 200 milioni di smart speaker presenti in tutto il mondo, il mercato è destinato a superare quello dei tablet entro la fine del 2021.

Con numeri del genere, viene da domandarsi cosa stia sbagliando Tim Cook; l’interesse dei consumatori nel settore, infatti, non accenna ad esaurirsi e sempre più persone comprano uno smart speaker; ma perché non scelgono HomePod?

La riposta è complessa, e probabilmente va affrontata da diversi punti di vista.

👉🏼 Cosa fare se desideri uno smart speaker come HomePod ma in Italia ancora non c’è? Continua a leggere, e scoprirai le migliori alternative che puoi trovare oggi nel nostro paese.

Le Pecche di HomePod

Laddove è possibile acquistare un Sonos con Alexa per meno di 100€, o un Echo per meno di 50€, Apple commercializza HomePod in fascia premium: 299$ più tasse; e considerate che ha abbassato il prezzo pochi mesi dopo il debutto, evidentemente per via dello scarso successo (per correttezza d’informazione, dobbiamo dire che non abbiamo numeri ufficiali perché Apple infila HomePod nelle statistiche che contemplano anche Apple Watch e AirPods, ma è evidente che qualcosa non stia funzionando. Tutti gli analisti infatti concordano sul medesimo scenario).

Ed è così che arriviamo ai quattro nodi della questione:

  • Prezzo: Speaker con Alexa e Assistente Google sono commercializzati a prezzi sensibilmente inferiori rispetto a HomePod. E, pur sfruttando assistenti virtuali diversi, fanno grossomodo le stesse cose: gestiscono musica in streaming e domotica, intrattengono, forniscono servizi utili e sanno rispondere alle domande. E alla fine, vale la pena spendere oltre 300€ per spegnere una lampadina?
  • Disponibilità: HomePod è stato lanciato il 5 giugno 2017, in occasione del WWDC; da allora, possibile che non abbiano ancora messo a punto la localizzazione italiana? Viene da pensare che non ci stiano più neppure provando. Ad oggi infatti HomePod non è disponibile nel nostro paese.
  • Diversificazione: Mentre gli smart speaker alternativo vengono via per meno di 100€ (Ipermela propone gli eccellenti Sonos: ottimo suono e compatibilità con Alexa), HomePod costa più di tre volte tanto. Inoltre, la concorrenza offre prodotti per tutte le tasche, coprendo una vastissima varietà di esigenze; di HomePod, invece, ce n’è solo uno e questo è quanto.
  • Promozioni: Al di là del taglio iniziale di 50$, il prezzo di HomePod è rimasto invariato per oltre due anni. Amazon e Google invece propongono periodicamente offerte molto aggressive, a volte svendendo a prezzo di costo gli speaker, e la ragione è semplice: una volta conquistato l’utente, poi quest’ultimo sarà invogliato a acquistare hardware, servizi premium e altro, facendo così da volano all’intero ecosistema. Pensate allo speaker come al telecomando senza fili delle tv; 50 anni fa era visto come un mezzo lusso e un gingillo per pochi. Ma oggi chi potrebbe farne a meno?

A onor de vero, dobbiamo ammettere che nessuno degli speaker di prezzo inferiore raggiunge probabilmente la stessa qualità audio; con 6 microfoni, 7 tweeter, un subwoofer e sofisticate tecnologie beamforming,  la resa acustica di HomePod è davvero eccezionale, soprattutto se si pensa che sta tutto in una mano. Ma serve davvero? Molti hanno già un impianto audio di buona qualità a casa, o delle casse decenti, e tutto quel che chiedono è un economico aggeggio che le faccia diventare smart. E per ottenere lo scopo, un accessorio da 60€ basta e avanza.

HomePod Video

HomePod Video

Allo stato attuale, la produzione e commercializzazione di HomePod è stata ufficialmente interrotta a marzo 2021; Apple vende solo HomePod mini, e soltanto in USA, Australia, UK, Canada, Francia, Germania, Hong Kong, India, Giappone e presto in Cina, Messico e Taiwan.

Con HomePod mini, la situazione è certamente migliorata per Apple, ma siamo ben lontani dalle vendite di Google e soprattutto di Amazon. Ecco perché, nel tentativo di colmare il gap, gli ingegneri di Cupertino stanno sviluppando uno smart speaker con display integrato, sensori e fotocamera FaceTime. Una sorta di HomePod che integra al suo interno un iPad su braccio mobile (in grado di seguire l’utente nei suoi movimenti) e le funzionalità di Apple TV. Tuttavia quando e se arriverà, e soprattutto a che prezzo, non è ancora noto.

Per ora, l’unica certezza è che di HomePod in Italia non c’è neppure l’ombra. Cosa può fare quindi oggi l’utente Apple che desidera uno speaker moderno, di qualità e con funzionalità avanzate per pompare in modo adeguato la propria musica?

Le Alternative ad HomePod

Sonos BlueSound

In Ipermela crediamo nel futuro degli smart speaker, e sappiamo che diventeranno presto l’equivalente del telecomando per il televisore: un modo per accedere al Web, alla domotica, all’intrattenimento e alle informazioni in modo naturale. Cioè con la voce. Per questo, abbiamo selezionato i migliori smart speaker e le migliori smart SoundBar del mercato, come le eccellenti Sonos BlueSound che coniugano qualità audio ad estetica e funzioni intelligenti.

Ipermela ha selezionato gli speaker più performanti del mercato e col miglior rapporto prezzo prestazioni. Affidati ai nostri esperti audio, e trasforma la tua musica in un’esperienza unica.

Vieni a provare l’ampia gamma smart speaker, accessori e dispositivi di domotica compatibili col tuo iPhone. Ipermela offre solo i prodotti della migliore qualità, perfettamente compatibili e testati per te. Scopri tutti gli ultimi arrivi chiamando il negozio Ipermela più vicino. Qui trovi i nostri contatti.

Anche tu ami Telegram? Allora iscriviti al canale Telegram di Ipermela per restare sempre aggiornato su tutte le ultime novità Apple. Ogni giorno trucchi e segreti su Mac e iPhone, anticipazioni e prove. La community degli ipernauti ti aspetta.