Intelligenza artificiale ed Apple possono salvare delle vite

Intelligenza artificiale Apple salvare vite

Apple e l’intelligenza artificiale: come questo binomio aiuterà l’umanità?

In che modo la visione della visione artificiale di Apple può salvare vite umane?

Le piattaforme d’intelligenza artificiale di Apple consentono l’evoluzione futura nell’informatica e nell’assistenza sanitaria. E non è affatto un segreto che già oggi il connubio tra i prodotti realizzati a Cupertino e gli ultimi sviluppi nel campo dell’IA permettano a molte persone di godere di uno sviluppo tecnologico che, senz’altro, è senza eguali.

L’attenzione di Apple per l’intelligenza delle macchine nell’imaging e nella salute digitale sembra probabilmente accelerare lo sviluppo di soluzioni innovative per la salute, conquistando agli sviluppatori iOS una fetta di questo segmento di mercato in rapida crescita.

Un recente sondaggio di Signify Research afferma che l’intelligenza artificiale (IA) nel settore medico diventerà un mercato da 2 miliardi di dollari entro il 2023, indicando la rapida evoluzione di varie forme di software di analisi e rilevamento.

I ricercatori affermano che queste tecnologie trasformeranno il settore diagnostico con i sistemi che contribuiscono a colmare la carenza internazionale di radiologi esperti.

Insomma, un lavoro che fino a pochi anni fa veniva considerato come uno dei più prestigiosi in assoluto (quello di un radiologo), presto potrebbe trasformarsi in un’occupazione decisamente poco richiesta considerando lo sviluppo dell’intelligenza artificiale nel settore medico.

L’interesse e l’entusiasmo per l’intelligenza artificiale nella comunità dei radiologi è aumentato notevolmente negli ultimi 12-18 mesi e la discussione è passata dall’IA vista come una minaccia, a come l’IA aumenterà le possibilità dei radiologi. A dirla tutta, ancor oggi l’intelligenza artificiale è vista da molti proprio come una minaccia.

Anche gli assistenti dei radiologi potrebbero presto ritrovarsi con numerosi problemi dal punto di vista lavorativo, specialmente osservando i progressi svolti dall’intelligenza artificiale negli ultimi tempi.

Inoltre viene rilevato un corpo di ricerca che sembra dimostrare che l’IA può migliorare i risultati clinici e quindi ottimizzare l’efficacia stessa del lavoro di un medico. Al momento, vediamo la visione artificiale e l’intelligenza artificiale utilizzate in compiti come l’identificazione di vari tumori o per guidare il flusso di lavoro durante le procedure mediche.

Nelle ultime settimane, la FDA (Food and Drug Administration) statunitense ha approvato un software che rileva la retinopatia diabetica basata su immagini che a loro volta vengono rilevate dall’intelligenza artificiale. Tuttavia, ci sono tanti ostacoli dinnanzi all’evoluzione di questo tipo di tecnologia.

Uno dei più grandi è il processo normativo in materia di tecnologie mediche. Abbastanza giustamente, i regolatori sono estremamente preoccupati di garantire che le soluzioni siano adeguatamente controllate. Almeno uno sviluppatore di sistemi diagnostici per l’intelligenza artificiale deve garantire il corretto svolgimento dei test normativi del suo prodotto (che è ora in uso negli Stati Uniti).

I vari controlli non fanno che confermare ulteriormente ciò che sapevano di già: prima di essere immessa sul mercato e a tutti gli effetti iniziare ad aiutare le persone, ne deve passare di acqua.

Tuttavia, si è ottimisti per questo, in quanto si capisce la necessità di garantire che le tecnologie mediche siano adatte allo scopo e siano soprattutto sicure. In ogni caso, molti considerano il peso di queste normative un fattore limitante quando si tratta dell’evoluzione delle soluzioni d’intelligenza artificiale per la salute.

I regolatori, nel frattempo, stanno trovando i modi per ridurre l’onere con schemi come il percorso della FDA. L’azienda Healthcare IT è anche resistente alle soluzioni di acquisto in questo momento, in parte perché vuole evitare le sfide d’integrazione inerenti al tentativo di distribuire prodotti all’avanguardia da più aziende.

Harris suggerisce agli sviluppatori di software in questo spazio di raggiungere accordi di licenza con i fornitori di hardware esistenti per superare questo problema.

LEGGI ANCHE: iPhone rigenerato come acquistarlo

 

Ruolo della Apple e delle altre aziende

Apple ha investito profondamente nella ricerca e nella tecnologia della salute digitale. Ora fornisce una piattaforma che supporta lo sviluppo di software relativo alla salute che può funzionare anche con hardware di terze parti.

La sua attenzione alla privacy e alla sicurezza dei dati è anche di vitale importanza, data una severa regolamentazione sulla condivisione e sulla protezione dei dati dei pazienti. L’hardware all’avanguardia della Apple (iPad, iPhone) è dotato del tipo di processore del processore e di strumenti di analisi delle intelligenze macchina on-board necessari per guidare soluzioni reali, come l’analisi della condizione della pelle.

Ciò che è veramente importante è che l’azienda ha creato strumenti che gli sviluppatori di questo spazio possono utilizzare per eseguire test su tecnologie e trattamenti su larga scala. ResearchKit e CareKit consentono test su più siti con più pazienti, anche oltre i confini nazionali. Per esempio, se dovessi svolgere un viaggio in Giappone, sappi che anche lì potrai usufruire dei servizi medici targati Apple.

La decisione della Apple di creare un sistema di registrazione dei pazienti conforme agli standard HIPAA che i pazienti possano utilizzare per raccogliere e condividere dati facilita la revisione tra pari, mentre il suo impegno continuo con i leader nello spazio di salute digitale genererà inevitabilmente opportunità per la ricerca futura.

La Apple, però, non è mica la sola a operare in questo settore. Google, Tencent e Alibaba (tra gli altri) stanno lavorando su soluzioni che combinano l’intelligenza della macchina con la visione artificiale.

Questi enormi investimenti indicano una massa critica nell’evoluzione di tali tecnologie, il che suggerisce che i fornitori di servizi sanitari saranno presto in grado di accedere a una vasta gamma di soluzioni basate sull’intelligenza artificiale.

Il fatto che la Apple sia interessata all’applicazione delle sue tecnologie hardware e software nel settore dell’imaging medicale è stato reso palesemente ovvio quando ha dato a Triton Sponge un premio Design Award al WWDC 2018. Quest’azienda ha impiegato anni per sviluppare e utilizza la fotocamera su un iPad per misurare la quantità di sangue raccolto dalle spugne chirurgiche durante le procedure mediche.

Il CEO di Triton Sponge, Siddarth Satish, ha affermato che ci sono profonde opportunità in questo spazio. Ha sottolineato che ciò che sta cambiando il gioco su queste tecnologie è che possono essere sviluppate per funzionare su dispositivi che già utilizziamo, come gli iPad.

Ma ha anche detto che la sua applicazione potrebbe funzionare efficacemente su dispositivi più vecchi, un punto che potrebbe diventare una vera e propria linea di vita poiché i benefici delle tecnologie digitali per la salute sono resi disponibili alle comunità che attualmente non hanno accesso agli strumenti esistenti.

Tali comunità possono guardare avanti per accedere a tecnologie mediche a cui non hanno mai avuto accesso in passato. Ad esempio, la compagnia statunitense Butterfly Network ha creato un accessorio da 2.000 dollari per iPhone che trasforma il tuo smartphone nell’equivalente di una macchina a ultrasuoni, rendendo questa tecnologia di analisi essenziale per la tua vita.

L’accesso stesso è utile nonché molto più facile da installare in nuovi ambienti. Aggiornato il 15 agosto 2018. A questa si aggiungono anche numerose altre aziende e compagnie che bisogna considerare, in quanto danno il loro contributo al miglioramento del settore dell’intelligenza artificiale.

 

L’impegno dei maghi di Cupertino

Non è affatto un segreto che la Apple abbia ingaggiato John Giannandrea, ex vicepresidente senior d’ingegneria, ricerca e intelligenza artificiale, in Google. Nel suo nuovo ruolo di machine learning e strategia IA, Giannandrea riferirà direttamente a Tim Cook, CEO di Apple, il quale si occuperò, quindi, dei vettori generali di sviluppo.

Le notizie a sorpresa sono state condivise con i dipendenti Apple in una email aziendale, riportata per la prima volta dal The New York Times: “La nostra tecnologia deve essere infusa dei valori che tutti teniamo cari, John condivide il nostro impegno per la privacy e il nostro approccio ponderato, rendendo i computer ancora più intelligenti e più personali”.

L’intelligenza artificiale è fondamentale per il prossimo grande passo avanti nell’informatica. L’etica dell’IA è fondamentale per il modo in cui noi, come persone, sopravviviamo a quel salto. Facebook è sempre più sotto pressione per come funziona e potrebbe usare l’intelligenza artificiale per monetizzare e manipolare i suoi utenti per la pubblicità e influenzare la vendita dei prodotti sul sito.

Google, che ha compiuto uno sforzo più pubblico per bilanciare le intuizioni con lo sfruttamento profondo, deve ancora confrontarsi con ciò che potrebbe accadere quando e se questi due flussi si mescolano accidentalmente o maliziosamente a spese degli utenti.

Apple, che fa i suoi soldi vendendo beni e servizi ai clienti anziché vendere l’attenzione e l’intuizione dei clienti, potrebbe offrire un’alternativa importante quando si tratta di mettere in campo tutto, dagli assistenti intelligenti alle tecnologie autonome.

Eppure l’impegno della Apple verso l’intelligenza artificiale di livello mondiale è stato messo in discussione per anni. Nonostante abbia messo in campo l’intelligenza artificiale a livello di silicio con il chipset A11 Bionic 2017 e lo abbia utilizzato per potenziare funzionalità come Face ID, l’innovativo assistente personale Siri della società è rimasto indietro rispetto alle offerte di Google e Amazon, soprattutto quando si tratta di coerenza e supporto alle terze parti.

Come cambierà le cose Giannandrea questo rimane da vedere. Recentemente Siri è passata dall’organizzazione di servizi Internet di Eddy Cue all’organizzazione d’ingegneria del software di Craig Federighi presso la Apple.

Ancora, una miriade di funzioni e team IA esistono in tutte le org, incluse iniziative come Core ML, computer vision in Photos, autenticazione biometrica Face ID e progetti speciali autonomi che Tim Cook, in una mossa quasi senza precedenti per Apple, ha commentato in anticipo di qualsiasi annuncio di prodotto.

Speravamo da un po’ che la Apple potesse unificare i servizi d’intelligenza artificiale come propria organizzazione, in modo simile a come ha sviluppato il silicio separatamente dall’ingegneria dell’hardware.

Tutto questo, però, per ora sembra solo e soltanto una lontana fantasia che, per giunta, potrebbe restare molto lontana dalla realtà dei fatti.

LEGGI ANCHE: Centro assistenza Apple a Vicenza

 

Intelligenza artificiale e l’iPhone

Resta ancora da capire come l’IA influirà direttamente sull’iPhone migliorandone considerevolmente le prestazioni.

Tra le varie innovazioni di cui occorre ricordarsi spiccano le mappe, che finalmente potranno consigliare a tutti gli interessati dei percorsi di molto migliori rispetto a quanto accadeva in passato. Con i suggerimenti dell’app Waze (ora di proprietà di Google), l’app Apple Maps in iOS 10 ti indirizzerà automaticamente ai problemi di traffico. Come bonus, l’app sa anche quali rotte in genere preferisci e le suggerisce. L’app può anche esaminare il tuo calendario e suggerire percorsi verso un luogo di incontro.

L’IA influenzerà in gran misura anche le risposte di testo automatico. Se stai massaggiando con qualcuno, le nuove funzionalità relative a Quick Type nell’app Messaggi ti suggeriranno qualcosa di più della semplice ortografia.

Se qualcuno chiede “dove sei?” l’app può rilasciare una mappa nella posizione corrente. Se qualcuno ti chiede quando puoi incontrarti, l’app offrirà un orario sul tuo calendario per quando sarai disponibile dopo.

Grazie all’intelligenza artificiale l’app Foto ora riconoscerà le persone nelle foto e offrirà di raggrupparle per te. Ad esempio, l’app può identificare tutti i membri della famiglia da un viaggio in Florida. Questa funzione è stata sul desktop Mac per un po’ di tempo, ma il bello di averlo su iPhone (a parte il fatto che ora usiamo gli smartphone come fotocamere) è che l’elaborazione è tutta locale al telefono.

Ciò significa che è più sicuro perché le foto non devono essere elaborate nel cloud. Grazie all’IA i tuoi messaggi vocali potranno essere facilmente trascritti. Anche se è disponibile da anni nell’app Google Voice, ora l’iPhone può trascrivere automaticamente i tuoi messaggi vocali e trasformarli in testo.

Ciò consente di risparmiare tempo poiché è possibile eseguire la scansione del testo scritto molto più rapidamente di quanto è possibile ascoltare un messaggio. Il tuo telefono saprà quando lo solleverai.

Quando prendi il telefono, non dovrai premere un pulsante per accenderlo e lo schermo brillerà da solo in quanto capirà che lo hai preso in mano e lo vuoi utilizzare.

L’accelerometro sa quando hai sollevato il telefono per guardarlo, così puoi dare un’occhiata alle notifiche e poi abbassare il telefono per oscurare nuovamente lo schermo. Siri, il tuo assistente vocale, può ordinare un taxi Uber.

L’assistente vocale su iPhone (e iPad) conosciuto come Siri ora è molto più intelligente. Apple ora consente all’assistente di lavorare con app di terze parti.

Ciò significa che puoi chiedere a Siri di ordinare un Uber, inviare un testo su WhatsApp o magari ordinare una pizza utilizzando l’app di Domino.

Scopri ora il nostro negozio online!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *