HD & SSD Esterni: come scegliere il modello giusto

HD & SSD Esterni: come scegliere il modello giusto

Scegliere un disco esterno per Mac non è così scontato. Non è detto infatti che un SSD sia sempre meglio di un HD, o che un’unità da 2,5″ autoalimentata sia preferibile ad un più voluminoso 3,5 pollici. E poi, sapevi che esistono anche versioni Rugged? Insomma, facciamo un po’ di chiarezza. Ecco come scegliere il disco esterno perfetto per te.

Potenziamento Mac: perché conviene installare un SSD ora

La Prima Domanda da Farsi

Dubbio - HD & SSD Esterni: come scegliere il modello giusto

Prima ancora di parlare di budget, tecnologie di scrittura, e tutto il resto, c’è una domanda che bisognerebbe farsi. La più importante di tutte, probabilmente: a cosa serve il disco esterno? Ovvero, per quale ragioni desideri compralo?

Un video-maker, per esempio, ha esigenze diverse da un appassionato di fotografia; e la stessa cosa si può dire per chi ha bisogno di un affidabile disco di backup per Time Machine. Anche se può sembrare controintuitivo, non è detto che un più costoso e performante SSD sia perfetto per tutti i casi. Uno dirà: ma come, è più veloce di un HD, dunque come fa a essere sconsigliabile in determinati contesti? La risposta è semplice: i dischi SSD sono mostri di potenza, e in quasi tutte le casistiche se la cavano meglio degli HD tradizionali e delle penne USB, ma hanno anche un prezzo per Megabyte molto superiore. E inoltre, non raggiungono ancora i massimali di capienza degli HD.

Ma che differenza c’è tra le due tecnologie?

  • Hard-Disk: È un dispositivo di archiviazione digitale che funziona attraverso dischi magnetici che girano fisicamente all’interno dell’unità; tra i vari dischi, si muove una testina di lettura/scrittura che crea quel caratteristico rumore che tutti conosciamo. È più lento in lettura/scrittura rispetto agli SSD, ma raggiunge capienze davvero molto elevate. I tagli da 2,5 pollici sono leggeri e occupano poco spazio, in più non hanno bisogno di alimentazione esterna; d’altro canto quelli da 3,5 pollici, a fronte di un cavo in più per l’alimentazione, garantiscono prestazioni migliori di un 2,5 pollici.
  • SSD: È un dispositivo di archiviazione digitale composto da schede di memoria molto veloci collegate tra loro. Funziona in modo molto simile alle chiavette USB, ma con prestazioni e un’affidabilità nettamente superiori (dalle 10 alle 300 volte più veloce). Costa un po’ di più degli hard disk tradizionali e non richiede mai alimentazione esterna. È anche meno soggetto a usura poiché non ha parti in movimento.

HD VS SSD:

SSD

0.1 millisecondi

6.000 io/s

Probabilità di Malfunzionamenti 0.5%

dai 2 ai 5 Watt

Appena 1%

3 ore

VS.

Tempi di Accesso

Prestazioni in Accesso Casuale ai Dati

Affidabilità

Consumi

Risorse CPU

Tempi di Backup (a parità di dati)

HD

5.5-8 millisecondi

400 io/s

Probabilità di Malfunzionamenti 2-5%

dai 6 ai 15 Watt

Fino al 7%

10-12 ore

 

👉🏼 Da ciò si possono ricavare alcuni suggerimenti di massima:

  1. Per Archiviare Foto e Video conviene puntare su un HD tradizionale che, a fronte di costi inferiori, garantisce molto più spazio disponibile. Una penna USB potrebbe bastare per una copia di sicurezza da tenere nel cassetto, o per passarsi rapidamente pochi file tra diversi computer, ma risulterebbe troppo lenta per la Libreria dell’app Foto. In generale questa è la soluzione ideale anche per un archivio di documenti, PDF, musica ed elementi multimediali (purché non ad alta o altissima risoluzione).
  2. Per effettuare Montaggi Video è invece meglio puntare su un’unità SSD che fornisca adeguate prestazioni, soprattutto per i flussi video 4K. Un HD risulterebbe semplicemente troppo lento anche solo per riprodurre un video creato da un moderno iPhone; figuriamoci per gestire un montaggio multi-traccia con iMovie o Final Cut Pro X. Impensabile usare allo scopo una penna USB.
  3. Per i backup di Time Machine serve soprattutto spazio, più che velocità. In questo caso, dunque, meglio quindi puntare su HD tradizionali. Assolutamente no a penne USB.

Altre Caratteristiche da Verificare

Il dilemma tra HD o SSD non è l’unico elemento da tenere in considerazione. Ci sono altre caratteristiche che è importante mettere nell’equazione, prima di acquistare un disco esterno per Mac. Per esempio:

  • Tipo di connessione: I Mac più recenti includono una porta USB-C, mentre gli altri invece hanno la vecchia USB-A (quella che comunemente chiamiamo solo “USB”); l’USB-C può includere Thunderbolt 3 e Thunderbolt/USB 4, ed è sempre più veloce di USB-A. Le USB-A invece possono supportare USB 2 o USB 3, a seconda del modello. Su molti modelli di Mac sono inoltre disponibili porte Thunderbolt 3 dedicate, FireWire e altri tipi di connessione. È importante capire qual è quella più performante sul proprio computer, e scegliere un modello di disco esterno che disponga proprio di quella porta. Alcuni modelli includono cavi per la connessione a porte diverse (tipo USB-A e USB-C).
  • HD da 2,5″ o 3,5″: Un disco da 2,5″ è più piccolo, leggero e compatto di un disco da 3,5″, e in più non richiede alimentazione esterna. Ma è (un po’) meno performante di un disco da 3,5″ che a sua volta è (molto) meno performante di un SSD. Un’unita HD da 3,5″ esterna richiede un cavo aggiuntivo per l’alimentazione, e spazio sulla scrivania; in più non può essere infilata nello zaino e trasportata con la stessa facilità di un 2,5″.
  • Formattazione: Un disco SSD o HD è solo hardware, una sorta di pagina vuota. Per poter scrivere i dati, sistemi operativi diversi adottano File System diversi; un po’ come se uno avesse bisogno dei quadretti, e l’altro delle righe. Per esempio, Windows utilizza d’elezione NTFS; il Mac invece usa APFS in sostituzione del vecchio HFS+. Prima di procedere all’uso di un disco, quindi, bisogna impostarlo coi parametri giusti, altrimenti alcune funzionalità del Mac non saranno disponibili (per esempio, i dischi NTFS di Windows su Mac sono accessibili solo in lettura; niente scrittura, né Spotlight, né avvio di macOS.) In ambienti misti macOS-Windows, dunque, occorre valutare con estrema attenzione il tipo di File System prescelto.  Infine, sebbene sia tecnicamente possibile avviare un Mac da disco esterno, è necessario prima impostare la corretta GPT. Di solito, gli hard disk esterni sono pre-formattati per Windows, dunque è particolarmente importante verificare tutte queste cose prima dell’uso; in caso di difficoltà, rivolgiti sempre a un esperto per evitare perdite di dati e problemi.
  • Dischi Rugged: Alcuni dischi (HD e SSD) dispongono di protezioni aggiuntive, come gusci di silicone e meccanismi anti-usura, che allungano la vita al dispositivo e ne permettono l’uso in condizioni non ottimali. Alcuni modelli sono resistenti agli schizzi e alla polvere, e assorbono in modo adeguato gli impatti derivanti da cadute accidentali. Valuta sempre con attenzione il tipo di protezione che ti serve, soprattutto se hai in mente di usare il disco esterno in viaggio o in movimento.

SSD: cos’è, e perché conviene installarlo su Mac

SSD e HD: Dimensioni Ideali

Installare SSD su Mac

Il continuo abbassamento dei prezzi rende gli SSD davvero alla portata di tutti. E sebbene in circolazione si trovino anche tagli da 128GB, il nostro consiglio è di propendere almeno per 256GB; se il Mac viene utilizzato da più utenti, o nel caso di esigenze specifiche e professionali, meglio allora 512GB o anche più.

Gli utenti con grosse collezioni multimediali, i grafici, i musicisti, gli ingegneri o gli appassionati del video faranno meglio invece a optare per tagli più generosi, possibilmente oltre i 2TB. Al crescere della capacità, aumenta infatti la quantità di dati che potete stipare, il tutto senza interferire con le prestazioni che restano sempre al massimo; ciò tuttavia impatta parecchio sul costo finale.

Nel caso in cui il budget sia limitato, valuta l’acquisto di un HD -da 2,5″ o 3,5″, rugged o normale, autoalimentato o meno, in base alle indicazioni date qui su- ma scegli sempre una capienza che ti permetta di contenere con agio tutti i dati che ti servono da qui al futuro. E non lesinare: meglio abbondare e ritrovarsi con molto spazio libero nell’immediato, piuttosto che ritrovarsi a dover ripetere l’acquisto dopo un anno.

Hai bisogno di un disco esterno per il tuo Mac ma non riesci a orientarti? Nessun problema: passa in negozio o chiama il punto vendita Ipermela più vicino. I nostri esperti ti consiglieranno il modello con le caratteristiche più adatte alle tue necessità.

Su questa pagina trovi i riferimenti per contattarci, e per richiedere un preventivo gratuito e senza impegno. In alternativa puoi usare Telegram oppure la nostra pagina Facebook.

Anche tu ami Telegram? Allora iscriviti al canale Telegram di Ipermela per restare sempre aggiornato su tutte le ultime novità Apple. Ogni giorno trucchi e segreti su Mac e iPhone, anticipazioni e prove. La community degli ipernauti ti aspetta.

Questo elemento è stato inserito in Tips. Aggiungilo ai segnalibri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.