Potenziare il Mac: aumentare le prestazioni aggiungendo SSD e RAM

Non date retta a chi vi dice che occorre buttare via il vecchio computer per passare al nuovo. Nella maggior parte dei casi, basta un intervento rapido ed economico per ridargli nuova vita. Ecco come potenziare e velocizzare il Mac con poca spesa.

Prima o poi accade a tutti. Un po’ dipende dagli aggiornamenti software sempre più pesanti, e un po’ dalle nuove feature che sono destinate ai computer più recenti e performanti; non parliamo poi  dell’abitudine di macOS di lasciare sparsi qua e là nel sistema operativo pezzetti di impostazioni personali e librerie. Fatto sta che, a un certo punto, il Mac che un tempo era stato una scheggia all’improvviso diventa insopportabilmente lento.

Il risultato è che qualunque operazione, anche la semplice apertura dell’app Musica o Foto, finisce col congelare l’intero computer per diversi secondi; spesso, compare anche la psico-rotella, cioè l’icona colorata che avvisa di in rallentamento. Nei casi peggiori, il Mac si blocca del tutto e occorre praticare un riavvio forzato.

Le Finte Soluzioni

Per alcuni rivenditori, la soluzione ufficiale al problema consiste nell’acquisto di un nuovo Mac; cosa che certamente produce un risultato immediato, ma al contempo costringe l’utente a un esborso di oltre 1.000 Euro (se non 2.000€). Dunque la scartiamo.

Altri -in special modo i produttori di software- tenteranno di appiopparvi qualche utility dalle presunte capacità taumaturgiche che dovrebbero ripulire il sistema operativo e riportarlo agli antichi splendori. Peccato che nessuna app potrebbe mai riuscire in un miracolo simile; anzi, ce ne sono alcune che fanno più danni che benefìci. Dunque, state in campana.

Alcuni vi proporranno di aumentare la RAM, cosa che di per sé non fa certo male, ma solo in determinati frangenti e per alcune tipologie molto specifiche di utenti. La RAM, o memoria volatile, è infatti il banco di lavoro del computer: è il luogo in cui vengono risposti momentaneamente i dati per la loro elaborazione. Un quantitativo superiore di RAM permette di tenere aperte più app assieme, un maggior numero di tab di Safari oppure file molto grandi, il tutto senza rallentamenti. Ma è un espediente che per l’appunto risulta efficace solo quando si aprono molti app e file: l’utente medio, in altre parole, non nota miglioramenti.

La differenza vera la fa invece il disco rigido. E vi spieghiamo perché.

La Vera Soluzione

L’unico modo per infondere davvero nuova vita ad un Mac ingolfato è sostituire l’hard disk con una unità allo stato solido, detta anche SSD. La differenza tra le due tecnologie infatti è abissale:

  • Hard Disk Tradizionale: funziona con una serie di dischi magnetici che girano contemporaneamente a una velocità ben precisa; maggiore la velocità di rotazione e maggiore sarà la velocità di lettura e scrittura. Poiché dispone di parti in movimento, si rompe più facilmente a seguito di sollecitazioni.
  • SSD: Un disco allo stato solido, invece, sfrutta una tecnologia elettronica simile a quella delle penne USB ma molto più performante. Non ha parti mobili, e dunque risulta più longeva e meno delicata nel lungo termine. In più garantisce prestazioni 20 volte superiori.

Tant’è che di default e già da qualche anno, Apple adotta la SSD in tutti i suoi computer fissi e portatili. Ed è per loro che macOS è ottimizzato: ecco perché sui Mac meno recenti Catalina arranca (ma a dire il vero, è da Lion in poi che si nota questa differenza).

Sostituire HD con SSD

La buona notizia è che potete sostituire il vecchio hard disk con una SSD su qualunque Mac. L’operazione richiede solo qualche ora, è estremamente economica e può essere portata a termine su:

  • iMac
  • MacBook
  • MacBook Pro
  • Mac mini

L’operazione è assolutamente sicura e include anche il trasferimento dati dal vecchio hard disk alla nuova SSD. E la garanzia non copre soltanto l’hardware installato, ma anche le prestazioni: il guadagno minimo garantito è del 300% (cioè 3 volte le prestazioni originali).

Potenzia subito il tuo Mac portandolo in uno dei negozi Ipermela di Thiene, Bassano o Padova centro. Su questa pagina trovi i riferimenti per contattarci e chiedere un preventivo. In alternativa puoi usare Telegram oppure la nostra pagina Facebook.

Anche tu ami Telegram? Allora iscriviti al canale Telegram di Ipermela per restare sempre aggiornato su tutte le ultime novità Apple. Ogni giorno trucchi e segreti su Mac e iPhone, anticipazioni e prove. La community degli ipernauti ti aspetta.