Le 4 più grosse novità Apple in arrivo nel 2020

Il lavoro della mela non si esaurisce mai e per ogni prodotto lanciato, ce ne sono molti altri ancora in fase di sviluppo. Ecco le 4 novità Apple più incredibili in arrivo l’anno prossimo.

iPhone 11 e iPhone Pro sono sul mercato, e entro fine mese dovrebbero arrivare i nuovi MacBook Pro 16″ più sottili e con display più grande. E se vi sembrano innovativi questi prodotto, aspettate di sentire cosa bolle nel pentolone di Cupertino per l’anno venturo: si parla di visori a Realtà Aumentata, Mac con processore ARM, funzionalità di tracciamento nel sonno su Apple Watch e infine di un iPhone potente ma low cost. Tutti pronti per la rivoluzione Apple del 2020?

Apple Glasses

I primi visori a Realtà Aumentata con le mela saranno in grado di proiettare elementi di realtà virtuale direttamente nel campo visivo dell’utente grazie ad un ingegnoso sistema di lenti, software e hardware.

Stando alle indiscrezioni, pare che i prototipi siano costituiti da due display 8K -uno per ciascuno degli occhi- il che dovrebbe garantire una qualità eccelsa e soprattutto ridurre i fastidi e la nausea spesso collegati con questo tipo di tecnologie.

Gli Apple Glasses non avranno bisogno di iPhone: dipenderanno da un box estremamente potente equipaggiato con un processore Apple, e capace di interfacciarsi con gli occhiali via 60GHz WiGig, una connessione senza fili ad altissime prestazioni e bassa latenza.

Consentiranno inoltre di interagire con elementi 3D come se fossero presenti nella realtà, e forniranno servizi di informazione, intrattenimento, geolocalizzazione e molto altro. In più, permetteranno di interagire coi dispositivi esistenti -tipo Apple Watch- in modi nuovi, creando interfacce virtuali molto più semplici da gestire.

A livello software saranno equipaggiati con rOS, cioè RealityOS, un sistema operativo specificamente progettato per Realtà Virtuale Stereo e Realtà Aumentata, e capace di scaricare nuove applicazioni attraverso un’App Store dedicato.

In virtù delle dichiarazioni di Tim Cook a riguardo, dei brevetti depositati, e delle informazioni emerse nel corso del tempo, possiamo affermare che gli occhiali Apple sono molto più che un’indiscrezione: sono un prodotto vero a cui si lavora alacremente, con la speranza di poterlo lanciare nel 2020.

Mac con processore ARM

Dopo l’abbandono dell’architettura PowerPC verso Intel annunciata nel 2005, Apple ha in programma una nuova, imponente transizione da Intel verso ARM. E i primi Mac equipaggiati con questo chip arriveranno già l’anno prossimo.

Si tratta delle medesima tecnologia di processore innestata in iPhone, iPad e Apple TV, e consentirà di rendere finalmente omogeneo l’intero ecosistema della mela. Ciò permetterà di creare una base hardware comune su cui gireranno sistemi operativi e applicazioni, semplificando così il lavoro degli sviluppatori; dunque, non dovremo più preoccuparci di scaricare la versione giusta di un’app: i titoli gireranno senza problemi su qualunque computer e dispositivo con la mela, da Apple Watch a Mac, passando per Apple TV e iPhone.

La ragione di questo passaggio epocale sta nella convenienza per Apple e nella sua strategicità. Con l’abbandono di Intel e l’adozione di chip progettati internamente a Cupertino, lo sviluppo dei Mac non sarà più soggetto alla roadmap di società terze. Ciò permetterà di implementare in anticipo le novità hardware e software, e soprattutto di aggiornare i Mac in base alle esigenze di Apple e dei suoi utenti.

E se vi sembra impossibile che un processore proveniente dal mondo mobile possa soddisfare le esigenze di un utente Mac, non dimenticate che l’A13 Bionic rende iPhone 11 potente come un vero computer.

Tracking Sonno

Una delle lacune storiche di Apple Watch è l’assenza di funzionalità native di monitoraggio del sonno, ma con il Series 6 in arrivo l’anno prossimo cambierà tutto. Stando ai rumors, il tracking del sonno è già in fase avanzata di sperimentazione, e se tutto andrà come previsto vedrà le luci della ribalta già nel 2020.

Questo significa che la funzione Sonno dell’app Orologio su iPhone avrà presto un omologo anche in watchOS. Dunque potremo programmare la sveglia, impostare le ore di sonno raccomandate e ricevere promemoria per ricordarci di andare a letto all’ora giusta; infine, potremo monitorare il tempo trascorso a letto e impostare il momento ideale del risveglio (di solito nella fase di sonno leggero tra due fasi di sonno pesante).

iPhone SE2

Non tutti amano o hanno bisogno dei display generosi delle ultime generazioni di iPhone; molti trovavano adeguati i 4 pollici del vecchio iPhone SE, che però non viene aggiornato dal lontano 2016. La buona notizia è che la seconda generazione di questo dispositivo, rivista e corretta, arriverà nei primi mesi del 2020.

iPhone SE2 -così l’abbiamo ribattezzato in attesa di conoscerne il nome definitivo- avrà un design ereditato da iPhone 8. Queste le caratteristiche previste:

  • Display LCD da 4.7 pollici
  • Processore A13 Bionic
  • Touch ID
  • Fotocamera posteriore a singola lente
  • 3GB di RAM
  • Memoria da 64 o 128GB
  • Colori Argento, Grigio Siderale e Rosso
  • Prezzo di 399$ per il modello base

Dunque niente Face ID -il supporto a Apple Pay passa attraverso l’impronta digitale- e niente fotocamera di ultima generazione; ma in compenso il processore è potente e nuovo, e il prezzo estremamente aggressivo: 459€ tutto incluso.

Curioso di conoscere i prodotti Apple e gli accessori più innovativi per iPhone e Mac? Passa in uno dei negozi Ipermela di Thiene, Bassano o Padova centro, e prova le novità con le tue mani. Il futuro è già qui, che aspetti?

Anche tu ami Telegram? Allora iscriviti al canale Telegram di Ipermela per restare sempre aggiornato su tutte le ultime novità Apple. Ogni giorno trucchi e segreti su Mac e iPhone, anticipazioni e prove. La community degli ipernauti ti aspetta.