Come funzionano AppleCare e AppleCare+?

Apple Care come funziona

Spesso, nemmeno gli utenti della Apple sono a conoscenza dell’esistenza di AppleCare e di una soluzione più avanzata, AppleCare+. Si tratta di due piani di assistenza completa che Apple offre a tutti gli utenti.

Si tratta di una vera e propria estensione di garanzia che, nella versione Plus, copre non soltanto i difetti hardware e i malfunzionamenti, ma perfino i danni accidentali.

Prodotti Compresi

AppleCare comprende assistenza tecnica, riparazioni hardware e supporto sul software; il che significa che potete ottenere aiuto anche se l’ultimo aggiornamento di iOS13 vi ha causato problemi, o se Catalina fa le bizze su Mac.

Questi sono i prodotti e dispositivi Apple su cui potete applicare AppleCare e AppleCare+:

  • Mac
  • iPhone
  • iPad
  • Apple Watch
  • Display Apple
  • Apple TV
  • iPod
  • AirPods

AppleCare: Cosa Copre?

L’aiuto richiesto grazie al piano AppleCare o AppleCare+ può riguardare tutte le problematiche dei prodotti con la mela. Si spazia quindi dall’assistenza su iOS ad App Store, dagli accessori alle incompatibilità, per finire a problemi software o hardware. Ecco qualche esempio:

  • Malfunzionamenti generali
  • Problemi con il sistema operativo
  • Danni accidentali
  • Sostituzione schermo o batteria
  • Problemi con l’hardware interno
  • Assistenza relativa ai programmi e applicazioni Apple

L’aiuto può arrivare telefonicamente, via chat, via mail o direttamente in negozio. Ovviamente, non tutte le istanze possono essere affrontate da remoto: qualora si verificasse un guasto hardware, i tecnici di Cupertino non sarebbero in grado di risolverlo al telefono. In questi casi, occorre recarsi al punto di assistenza Apple più vicino.

Il tuo iPhone, iPad o Mac dà problemi? Portalo subito al centro Ipermela più vicino a casa tua. La riparazione verrà effettuata in loco oppure, laddove non fosse possibile, invieremo il tuo dispositivo direttamente ad Apple. Massima velocità e puntualità, e zero burocrazia.

AppleCare, come funziona?

In linea di massima, per gli Apple Store e APR è necessario prenotare un appuntamento col tecnico, sperando che ci siano posti liberi all’ora e nel giorno richiesti; l’assistenza verrà fornita sul posto direttamente dal Genius Apple, e sarà diversa in relazione al problema che bisogna risolvere. 

Va da sé che occorrerà fornire qualche dettaglio sul problema riscontrato e attendere l’esito della diagnostica preliminare; a quel punto, sarà l’impiegato stesso a comunicare se la riparazione potrà avvenire in sede o se invece si renderà necessaria la spedizione del prodotto.

In entrambi i casi bisognerà armarsi di pazienza e attendere i tempi tecnici, che negli Apple Store più affollati possono allungarsi parecchio.

Da Ipermela non servono prenotazioni: basta portare l’iPhone, l’iPad o il Mac difettoso e l’assistenza si attiva subito. Si fa prima farlo che a dirlo.

Esistono dei casi in cui le verifiche preliminari possono essere condotte al telefono, ma in questo caso -e per assurdo- i tempi si allungano rispetto alla visita in negozio.

Ci sono due numeri di telefono per contattare Apple:

  • Ordini: 800 554 533
  • Assistenza tecnica: 800 915 904

In alternativa, c’è un’app chiamata Supporto Apple che potete scaricare gratuitamente da questa pagina dell’App Store.

Una volta esposta la problematica di base, sarà l’operatore stesso a proporre le soluzioni disponibili; in qualche caso potrebbe rendersi necessario l’invio nei centri Apple in Olanda, cosa che per ovvie ragioni allunga ulteriormente le tempistiche almeno a 5 giorni lavorativi.

In alternativa è possibile anche che sia il tecnico stesso a occuparsi dell’assistenza, come già chiarito precedentemente, procedendo alla riparazione per via telefonica. In quest’ultimo caso il cliente non deve che limitarsi a seguire le indicazioni ricevute.

AppleCare, cosa accade dopo?

Come già accennato, la procedura di assistenza telefonica risulta più lunga e complessa rispetto all’assistenza che si può ricevere nei punti specializzati Apple.  Nella maggior parte dei casi la Apple si avvale di corrieri UPS. Tuttavia è possibile che sia utilizzato il servizio TNT.

Dopo l’apertura della segnalazione di guasto, vi verrà fornito anche un numero di pratica che dovrete utilizzare assieme all’ID Apple per verificare il progresso della riparazione.

Il servizio di assistenza targato Apple Care è strutturato in 3 fasi diverse:

  • Invio del dispositivo
  • Diagnostica in loco
  • Sostituzione o riparazione

Solitamente la diagnostica dei problemi richiede soltanto un giorno, dopodiché si passa direttamente alla risoluzione del problema. Occorre anche specificare che la soluzione più diffusa, nella stragrande maggioranza dei casi, consiste nella sostituzione in toto dell’iPhone, anche se per specifiche casistiche -tipo per il display- viene effettuata la sostituzione del componente danneggiato. Per i Mac, invece, viene effettuata sempre la riparazione.

Il tutto, in ogni caso e al netto di momentanei rallentamenti nella catena delle forniture, non dovrebbe richiedere più di 5 giorni lavorativi. Gli iPhone sostitutivi vengono consegnati privi di imballi, o alloggiati in una scatola bianca con la sola graffetta rimuovi-SIM.

Una volta che l’iPhone riparato (o quello sostitutivo) sono nelle vostre mani, verificatelo in ogni sua parte, pulsanti fisici e connettività inclusa. Date un’occhiata approfondita anche al display, e se qualcosa non va, portatelo subito in un centro specializzato Apple nella zona. Particolare attenzione deve essere prestata anche alle imperfezioni che potreste notare nei giorni successivi.

Se l’idea di ricevere un telefono a scatola chiusa ti spaventa, ricorda che i Ricondizionati e i KM Zero di Ipermela puoi visionarli e provarli per tutto il tempo che desideri, prima dell’acquisto. E in caso di problemi, la sostituzione è immediata e senza burocrazia.

Operazioni Preliminari

Prima di muoversi, è sempre opportuno effettuare un backup del Mac o dell’iPhone; ciò è fondamentale per evitare la perdita dei dati in seguito all’intervento; per il Mac è sufficiente ricorrere a Time Machine; per iPhone e iPad, invece, dovrete utilizzare iTunes o le feature di sincronizzazione del Finder di macOS Catalina. Inoltre ricordate di estrarre la nano-SIM dallo slot apposito, così da evitare smarrimenti indesiderati e proteggere la privacy.

Per verificare lo stato di AppleCare, controllare l’idoneità alla riparazione e in generale scoprire se siete ancora coperti o meno da garanzia, esiste un’apposita pagina Web del sito Apple che potete usare. È sufficiente immettere il numero di serie del prodotto, inserire il codice captcha che trovate poco sotto e infine fare clic su Continua.

LEGGI ANCHE: Perché scegliere un prodotto Apple?

AppleCare+

Nel corso degli anni, Apple ha sostituito il vecchio AppleCare col più interessante AppleCare+ per quasi tutti i prodotti a catalogo; si tratta di un’estensione di garanzia che è un vero e proprio prodotto assicurativo. Per quanto concerne iPhone, include infatti due anni di piena assistenza telefonica di tecnici targati Apple, nonché tutte le copertura hardware necessarie. In più, dà diritto a due interventi per danni accidentali, ciascuno a un costo addizionale di 29€ (per i danni al display) o 99€ (per tutto il resto). La copertura ha inizio dalla data di acquisto di AppleCare+.

Sul fronte Mac, invece, dà diritto a 2 anni di garanzia aggiuntiva più due interventi per danni accidentali, ciascuno a un costo addizionale di 99€ per danni allo schermo o al guscio esterno, o 259€ per danni di altro tipo.

Infine per iPad e Apple Pencil, dà diritto a due interventi per danni accidentali, ciascuno a un costo addizionale di 49€ per iPad o di 29€ per Apple Pencil.

I vantaggi di AppleCare+ sono tantissimi e si sommano ai due anni di garanzia previsti dal venditore e dalla relativa normativa di legge europea, creata per tutelare il consumatore dai vari rischi.

Difatti è lo stesso Codice del Consumo a stabilire che i consumatori possono richiedere la riparazione oppure la sostituzione del prodotto a titolo del tutto gratuito entro 2 anni dall’acquisto.

In caso di seccature software, invece, AppleCare+ aiuta a risolvere i difetti legati a:

  • iOS e iCloud
  • Reti wireless
  • Applicazioni a marchio Apple, tra cui Safari, FaceTime, Mail, Calendario, Pages, Keynote, Garageband e così via.

Proprio come l’intera filosofia Apple, espressa da Craig Federighi nella frase “io penso che noi costruiamo qualcosa che amiamo e che amano anche gli altri: è il nostro lavoro”, anche l’assistenza della stesse permette ai clienti di godere di tutta la qualità dell’azienda di Cupertino.

Di quella qualità per cui l’azienda è ormai famosissima a livello internazionale e offre a tutti la possibilità di fare un salto nel futuro.

Ipermela offre supporto per tutte i tipi di problemi col tuo Mac, iPhone e iPad, inclusi malfunzionamenti hardware e grattacapi software. Basta portarlo in uno dei negozi di Thiene, Bassano o Padova centro. Qui trovi indirizzi e numeri di telefono.

Anche tu ami Telegram? Allora iscriviti al canale Telegram di Ipermela per restare sempre aggiornato su tutte le ultime novità Apple. Ogni giorno trucchi e segreti su Mac e iPhone, anticipazioni e prove. La community degli ipernauti ti aspetta.